Pare che il calabrone non possa volare,

perché il suo rapporto peso-superficie alare non glielo consentirebbe.

Lui, ignaro e noncurante, continuerebbe a fare quello che ha sempre fatto:

volare, in barba alle leggi della fisica.

In realtà il calabrone è semplicemente furbo:

riesce a creare attorno a sé dei vuoti d’aria, quindi ce la fa eccome!

Solo che fino al 1990 nessuno aveva gli strumenti per capirlo.

Vai a far cambiare opinione alla gente…

Ecco, questa storia ci ricorda che

alcuni misteri per essere compresi necessitano d’intuito,
sperimentazione
sul campo e tecnica.
Come la rete, e le sue opportunità.

Motori di ricerca, Social network, siti web e funnel di vendita si muovono per molti

secondo schemi misteriosi.

Per gli addetti ai lavori, seguono regole ben precise,
da conoscere e osservare con rigore.
Niente improvvisazioni, solo competenze.

Il nostro calabrone quotidiano: